Tre sconfitte su quattro confronti. Se contro l’Inter, in questa stagione, la Juventus non è mai riuscita a vincere, un motivo c’è: la squadra di Inzaghi è stata costruita meglio, e possiede quindi una rosa più forte.  Il divario di valori è stato evidente anche durante la finale di Coppa Italia, al momento dei cambi: quando Allegri ha dovuto sostituire Chellini e Dybala ha mandato in campo Arthur e Kean (due fantasmi) mentre Inzaghi ha tolto Lautaro e Darmian e messo A.Sanchez e Dumfries. Quando è uscito Dzeko è entrato Correa, e Dimarco ha preso il posto di D’Ambrosio. 

Non solo: l’Inter è probabilmente allenata meglio, se nei tempi supplementari ne ha avuta di più della Juve, crollata – e non è la prima volta – anche sul piano psicologico (ma anche sulla testa ci dovrebbe lavorare l’allenatore).

In sintesi: l’Inter attuale è superiore alla Juve attuale. Quindi è normale che l’abbia battuta tre volte su quattro. 

Poi, però, esiste l’imponderabile, ovvero arbitri e Var. E spesso, coi loro errori, indirizzano le partite. Non lo faranno apposta, però ne combinano talmente tante da condizionarle. E in tutti e quattro i confronti di quest’anno tra Juventus e Inter è successo sempre qualcosa. 

INTER-JUVENTUS CAMPIONATO, gara d’andata - Parto dall’errore che ha favorito la Juve, in modo da non essere tacciato di faziosità spinta, ovvero il rigore del pareggio bianconero. Un contatto tra Dumfries e Alex Sandro assolutamente accidentale punito però con un calcio di rigore. La classica distorsione per eccesso del Var, che ormai punisce (sbagliando) qualsiasi contatto in area. In quel caso ne beneficiò la Juve. 

INTER-JUVE Supercoppa - A permettere all’Inter di andare sul pareggio fu un altro rigore, con una dinamica fu molto simile a quella del contatto Vlahovic-De Vrij proprio nella recente finale di Coppa Italia. In quel caso, fu Dzeko ad anticipare sul pallone De Sciglio, che inevitabilmente lo colpì poi da dietro. Un’interpretazione “intelligente” dell’episodio non avrebbe dovuto portare alla concessione del penalty,  invece venne assegnato. Cosa che non avvenne invece dopo, nei tempi supplementari, per una manata in faccia a McKennie data da Bastoni. La solita discrezione arbitrale e Var che interviene quando gli pare. 

JUVENTUS - INTER CAMPIONATO gara di ritorno - La vinse l’Inter per un rigore discutibile assegnato a Dumfries, non si è mai capito se per un semi-pestone di Morata o se per il contatto successivo con Alex Sandro, a dire il vero più travolto dal giocatore dell’Inter che autore diretto del fallo. Rigore che venne prima parato da Szczesny e poi fatto ricalciare, per ingresso in area di De Ligt durante l’esecuzione del penalty: nell’ultimo derby ligure tra Samp e Genoa, sul rigore di Criscito parato poi da Audero, furono 5 i giocatori doriani con un piede dentro l’area ma il rigore non venne fatto ribattere. Come al solito: dipende sempre da cosa hanno voglia di vedere a Lissone. Nella stessa partita di Torino infatti non si accorsero, pur disponendo di tutta la tecnologia e le immagini necessarie, del netto pestone più spinta di Bastoni su Zakaria che avrebbe dovuto essere punito col rigore. 

JUVENTUS-INTER Coppa Italia - La svolta della gara è avvenuta sul 2-1 per la Juve, con Lautaro che simula platealmente una caduta per un fallo che non c’è, semmai è stato proprio lui ad agganciare col piede sinistro il polpaccio di Bonucci. L’arbitro non è andato alla review e si è fidato del Var, che gli ha confermato il fallo. Da lì la gara è svoltata, e nei tempi supplementari decisa sempre dalla sala var di Lissone: prima concedendo un altro rigore all’Inter per contatto tra De Ligt e De Vrij, ma sorvolando poi su un successivo contatto in area tra Vlahovic e De Vrji, molto simile a quello già ricordato prima in Supercoppa tra Dzeko e De Sciglio e sanzionato col rigore. Sul 2-1 Valeri si è fatto urlare di tutto da Brozovic, già ammonito, che con rabbia ha pure calciato il pallone in tribuna. L’espulsione sarebbe dovuta scattare in automatico  e l’Inter restare in 10.

Bilancio complessivo su quattro confronti totali: 5 interpretazioni pro Inter, 1 pro Juve. La squadra nerazzurra sarà anche più forte, però…