La crescita di Chiesa e gli occhi della Juve. Il Corriere dello Sport fa il punto sul livello dell'esterno della Fiorentina, davvero a un passo dalla Juventus nella prima parte del calciomercato estivo. Alla fine, Federico è rimasto a Firenze, complice la strenua volontà del nuovo proprietario Commisso di trattenerlo e di farne il perno attorno al quale costruire una Viola di livello. In parte ci è già riuscito, l'italoamericano: ma Chiesa non sarà alla Fiorentina per sempre. E la Juve lo sa. 

ANCHE MANCINI - Anche perché Fede cerca il salto di qualità. Un'evoluzione che dovrà portare una ferocia diversa in campo, soprattutto in zona gol. I numeri di Chiesa non sono quelli di un attaccante compiuto, come racconta il CdS: sono quelli di un giocatore di fascia, che però non sfrutta a dovere - quantomeno in trazione offensiva - la sua meravigliosa progressione. "Deve segnare di più per quello che vale e fa", le parole di Mancini, che punta tantissimo sul suo talento in ottica Nazionale. La Juve osserva, monitora, è sempre attenta al suo sviluppo. Il futuro è bianconero, Commisso permettendo.

PROBLEMI RINNOVO - Cioè: non solo Commisso. Sul giocatore resiste infatti l'interesse di Psg, Bayern. Oltre chiaramente a Marotta, che non ha perso la speranza di vedere l'esterno coi colori nerazzurri. Per Gazzetta, il padre Enrico non vuole sedersi a trattare il rinnovo dopo che la Fiorentina l'ha blindato senza permettergli di andare alla Juve nell'ultimo mercato. La testa è già alla prossima estate, quando per il giocatore può scatenarsi un'asta tra i bianconeri. Ci vorranno 70 milioni.