Intervenuto alla Bobo TV su Twitch, Antonio Cassano ha parlato così, a partire dalla lite con Spalletti: "Era il primo giorno di ritiro in Austria, il primo giorno di Spalletti alla Roma. Eravamo tutti in palestra e prima di cominciare a lavorare ascoltavamo la musica a tutto volume. Arrivato il tecnico, ci spense la musica senza dirci nulla. Istigato da Totti e Montella, rialzai la musica e gli dissi: "Guarda che tu non stai più ad allenare le pippe dell'Udinese, sei alla Roma. Qui comando io!". Spalletti mi mise fuori squadra. Poi quando qualche giorno dopo mi convocò per l'amichevole Spalletti annunciò che non sarei più stato il vice capitano: mi tolsi la maglia, presi un pullmino e tornai in albergo". 

MAROTTA - "L'Inter ha fatto una buonissima partita, il primo tempo è stato più o meno equilibrato. Nella ripresa Handanovic ha fatto tre miracoli, poi sul 2-0 è finita. Io sono stato il primo a disintegrare Conte, ma bisogna dargli il merito di aver preso Vidal - che per me è stato un campione - e l'ha messo fuori, ora vince con Eriksen titolare. Antonio ha creato una macchina perfetta, tutti remano dalla stessa parte. La follia l'ha detta Marotta quando disse che Eriksen non faceva parte del progetto. Ci rendiamo conto?".