Non si placa la bufera su Cristiano Ronaldo, accusato di stupro dalla modella Kathryn Mayorga per fatti accaduti ormai quasi dieci anni fa a Las Vegas. Nella serata di ieri sono arrivate le dure parole dell'avvocato del portoghese, che ha parlato di "documenti inventati" e di "rapporto consensuale" tra i due nel 2009 nel Resort americano.

TESTIMONI CHIAVE - Sempre nella giornata di ieri, però, Larissa Drohobwczer una delle legali incaricate da Kathryn ha confermato in un'intervista video rilasciata in Portogallo di voler chiamare a testimoniare non soltanto Ronaldo, ma anche due famigliari, il fratello e il cognato, come riportato dalla La Gazzetta dello Sport. Questi ultimi sarebbero entrati nella stanza dove sarebbe accaduto il misfatto non durante l'atto ma nel corso della serata.

LA SCELTA DEL GIUDICE - Nel caso in cui venisse riaperta ufficialmente anche l'inchiesta a livello penale, non soltanto civile com'è al momento, sarebbe già stato scelto il giudice, secondo quanto riportato dal settimanale Oggi. Si tratta di Adriana Escobar, rieletta nel 2015 con il 70% dei voti e appartenente alla 14esima sezione della Clark County Disctrict Court, a Las Vegas. Non una buona notizia perchè statisticamente, in questi casi, una giudice donna che si deve pronunciare su casi come quello di Ronaldo, con un personaggio famoso maschio contro donna della middle class, tende a proporre pene piuttosto severe.