Leonardo Bonucci, difensore e capitano della Juventus e della Nazionale italiana in assenza di Giorgio Chiellini, ha parlato alla vigilia della partita contro la Grecia in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni:

QUALIFICAZIONE - "Trovare la qualificazione sarebbe emozionante, raggiungere un obiettivo con così largo anticipo non è mai successo. Significa che stiamo facendo un grande lavoro, sarebbe bello festeggiare un obiettivo così importante. Ci aspettiamo il massimo da chi sarà intorno a noi, sarà un Olimpico bellissimo e noi abbiamo il dovere di regalare una serata storica all’Italia".

SORPRESA - "Questa Nazionale è stata un po’ una sorpresa per tutti. Abbiamo provato un nuovo modo di interpretare il calcio e all’inizio ci metteva paura perché pressiamo alti, alle volte concediamo delle ripartenze. Ma ci abbiamo creduto ed è merito del mister che ha saputo stimolarci nella maniera giusta. Quando ti diverti in mezzo al campo, tutto diventa più facile. Quando riescono le cose che provi in allenamento, con i giocatori di qualità che abbiamo, scendere in campo diventa bello. Abbiamo riportato entusiasmo per la nazionale dopo l’Europeo del 2016 e la disfatta delle qualificazioni al Mondiale. Abbiamo trovato identità".

JUVE IN NAZIONALE - "Ogni tanto sono l'unico italiano alla Juve. E' una situazione particolare, c'è sempre stato un blocco, era più facile. Il gruppo però è affiatato e consolidato, è stato insieme tanti anni e ci troviamo giorno dopo giorno a meraviglia. Ovvio che l’esperienza in una grande squadra è diversa da quella che puoi fare in squadre di un gradino sotto. Potremo avere problemi andando avanti, a livello di esperienza...".

OBIETTIVO - "Domani sera giocherò la novantaduesima gara, per arrivare a 100 dovrò giocarle tutte all’Europeo. A prescindere dai record e i traguardi personali, vogliamo regalare una grande partita e una vittoria, con tre gare di anticipo, che non credo sia mai stato ottenuto dalla Nazionale. Godiamoci la serata".