"A valere di quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione, Juventus Football Club S.p.A. annuncia il collocamento di un prestito obbligazionario non convertibile per un ammontare di € 175 milioni con scadenza 19 febbraio 2024, riservato a investitori qualificatiLe obbligazioni verranno emesse al prezzo di 99,436% e avranno cedola fissa annua pari a 3,375%". Con queste parole la Juventusha ufficializzato il collocamento di un prestito obbligazionario non convertibile da 175 milioni di euro. Un tesoretto che con ogni probabilità verrà utilizzato per rafforzare la squadra in estate. E il ds bianconero Fabio Paratici si è già mosso.

MOSSE CHAMPIONS - Martedì sera era a Roma per assistere a Roma-Porto, ieri invece Paratici ha fatto un blitz ad Amsterdam dove Matthijs de Ligt è sceso in campo con la maglia dell'Ajax (LEGGI QUI). Due giovani già di sicuro avvenire che si stanno consacrando anche sul campo europeo. Non a caso il loro prezzo è schizzato alle stelle. Per la stella della Roma saranno necessari almeno 40 milioni di euro, non meno di 60-70, invece, quelli da destinare all'acquisto del centrale dell'Ajax per il quale i lancieri hanno rifiutato 50 milioni la scorsa estate. Sulla carta, due acquisti possibili se il bod coprisse tutte le spese di mercato per la prossima estate. COLPO DA 70 MILIONI - In tal caso, resterebbero 60-70 milioni con i quali la Juve potrebbe arrivare ad un altro grande colpo e tra i vari obiettivi dichiarati dalla Juve e dallo stesso Paratici c'è anche Federico Chiesa. L'esterno viola, ad oggi, può valere tra i 60 ed i 70 milioni di euro, una cifra che la Juve potrebbe ancora una volta ricavare da questo tesoretto. I bianconeri fanno le loro valutazioni, di certo il budget di mercato della Vecchia Signora permettere qualche grande colpo di mercato. Qualcuno, infatti, bisbiglia anche che i soldi potrebbero essere investiti tutti per un solo grande colpo di mercato. Un nome a caso, Kylian Mbappé. Intanto Paratici si sta già muovendo per costruire la Juve del futuro.