AGGIORNAMENTO 23.30 - Filtra ottimismo da casa Juventus. Il Valencia continua a chiedere una cifra intorno ai 40 milioni di euro, ma i bianconeri sono certi di poter abbassare la richiesta economica del club spagnolo. Intanto, però, Joao Cancelo, tramite le proprie storie su Instagram, ha attaccato apertamente le parole usate da Tuttosport in prima pagina oggi, a lui attribuite, (GUARDA QUI), scrivendo a riguardo: "Ma che c…o? Quando le persone non sanno fare il proprio lavoro".



Stanno per arrivare a Milano, Pablo Longoria e Mateo Alemany. Il direttore sportivo e l’AD del Valencia sono attesi in Italia per quello che sembra un vero e proprio blitz: aria di incontri decisivi, insomma. Anche perché entro il 30 giugno, il Valencia deve incassare per sistemare il bilancio: dai salotti degli alberghi milanesi, l’obiettivo è quello di rientrare all’ombra del Mestalla con una stretta di mano in grado di rassicurarli sul futuro finanziario del club. Ecco: da qui, il summit con la Juve è presto programmato. E sì, il protagonista di queste ore caldissime è Joao Cancelo.

JUVE IN POLE - Su Ilbianconero.com l’abbiamo riportato nelle scorse ore: adesso la Juventus non ha più motivo di nascondersi, vuole il terzino portoghese e vuole anche stringere i tempi. Dopo l’offerta del Wolverhampton e le conseguenti pressioni di Mendes, anche il Manchester United pare si sia leggermente defilato: il primo nome sul taccuino degli spagnoli è oggi la Juventus. Che a Cancelo piace, eccome. Anzi: la ritiene come prima opzione per il suo futuro imminente.

PJACA SULLO SFONDO - Si tratterà, dunque. Si tratterà perché c’è ancora distanza tra le parti, ma allo stesso tempo si potrà sfruttare il margine dettato dalle volontà di tutti. In mezzo, anche il futuro di Marko Pjaca: slegato dal possibile arrivo di Cancelo, tuttavia sempre al centro dei pensieri valenciani.