Nel secondo episodio di All or Nothing-Juventus, Federico Chiesa parla dell'arrivo in bianconero. 

ARRIVARE ALLA JUVE - "Non avrei mai pensato di giocare a 23 anni per la Juve. Sono giovane, devo dare ancora tanto ala squadra, la montana è ancora grande da scalare. C'è da pedalare e da pedalare forte. 

BUFFON - "Primo ricordo di Gigi è quando ha alzato la coppa del mondo, non a parma con mio padre. Ha fatto la storia del calcio italiano. Non so se ha fatto più effetto a lui giocare con me o viceversa. C'è tanto rispetto tra i senatori e i giovani. Io, Kulu, McKennie, anche quello della Primavera viene trattato da giocatore della Juve. Ha la responsabilità di dare il massimo per la tifoseria e la società". 

APPENA ARRIVATO - "Appena arrivato, Leo Bonucci mi ha detto come ci si comporta qui. Leo è tosto".

IL SIPARIETTO CON BONUCCI - A pranzo, Bonucci gli dice: "Non è obbligatorio parlare sempre". E Chiesa risponde, scherzando: "Lo sapevo che mi attaccava! Non devi far così, Leo".