La Juventus resta con il fiato sospeso. Tanto per il sorteggio odierno dei quarti di finale di Champions League (qui tutti i dettagli e dove vederlo), dopo la magnifica impresa di martedì sera per rimontare ed eliminare l'Atletico Madrid, quanto per la possibile squalifica di Cristiano Ronaldo per la prossima partita. Dopo la splendida tripletta che ha deciso partita e qualificazione, CR7 si è lasciato andare a un'esultanza provocatoria in risposta a quella di Diego Pablo Simeone all'andata e i colchoneros, per quanto eliminati, ora vorrebbero la squalifica del portoghese.

L'ATLETICO ACCUSA - Secondo quanto riportato da Tuttosport, infatti, dall'Atletico Madrid filtra l’indiscrezione della volontà di presentare un esposto all’UEFA sul comportamento di Ronaldo. Secondo il loro punto di vista, il gesto del portoghese si differenzia da quello di Simeone: il Cholo si è rivolto ai propri tifosi, mentre CR7 ai tifosi avversari. Questo fa subentrare le Disciplinary Regulations della Uefa, che nell'articolo 15 chiariscono una o più giornate di squalifica per chi provoca il pubblico avversario.

IL PRECEDENTE - Simeone non venne ritenuto reo di provocazione verso la Juventus e il provvedimento venne limitato a una multa di 20.000 euro. Leigh Griffiths, invece, venne squalificato nei preliminari di un paio di stagioni fa tra Celtic e Linfield. Il lancio di oggi e le continue provocazioni non vennero digerite da Griffiths, che a fine partita allacciò una sciarpa del Celtic al palo della porta dello stadio di casa del Linfield. E scattò la squalifica, in quanto il gesto venne ritenuto provocatorio. In casa bianconera, insomma, è ansia CR7.