Dopo la dolorosa e inaspettata sconfitta contro il Manchester United, è tempo di guardare avanti per la Juventus e per Massimiliano Allegri, che si presenta in conferenza stampa alla vigilia della grande sfida di campionato contro il Milan. Una partita da non sbagliare quella contro i rossoneri, con il grande ex Gonzalo Higuain a sfidare un Cristiano Ronaldo in grande forma. 
 
La conferenza stampa di Allegri: le sue parole LIVE dalle ore 12 su ilBiancoNero.com.
 
CHIUDERE LE PARTITE - "Per chiudere le partite bisogna fare gol. Al momento rispetto alle vittorie conquistate, siamo stati pochi minuti in vantaggio di almeno due gol. Tieni aperte sempre le partite, questo ti crea dei rischi. Mercoledì abbiamo sbagliato a capire il momento dopo il pareggio del Manchester, ci siamo fatti prendere dall'emotività. La Champions si assegna a giugno, è stato un momento sbagliato".

HIGUAIN AVVELENATO - "Alla Juventus ha dato tantissimo, è stato determinante nelle vittorie. In estate è stata fatta una scelta da entrambe le parti, Gonzalo è uno dei più forti al mondo e il Milan ha fatto un grande acquisto".

REAZIONI - "Bisogna continuare così, dopo la sconfitta dell'altro giorno ci siamo rimasti male. Non eravamo più abituati, dall'aprile scorso non abbiamo perso una partita, l'ultima era stata con il Napoli. Abbiamo perso la partita che aveva meno importanza in Champions. Il Milan è in un grande momento, ha perso solo nel derby all'ultimo minuto. Bisogna essere pronti a chiudere nel migliore dei modi".

BONUCCI - "Non ho da dire niente al Leo, torna al Milan da ex e non ha bisogno dei miei consigli a riguardo".

MANCA HIGUAIN - "La percentuale realizzativa va alzata, nell'arco di una stagione ci sono momenti strani. L'anno scorso abbiamo preso più gol, poi abbiamo smesso. Rispetto all'anno scorso abbiamo fatto 24 gol rispetto ai 30 dell'anno scorso, ma con un 6-2 a Udine. Fa la differenza, va migliorata comunque l'attenzione in entrambe le fasi. Higuain gioca nel Milan, sarà piacevole rivederlo, per noi è stato importante. Abbiamo Ronaldo che è il miglior centravanti al mondo che non gioca da centravanti, bisogna sfruttare tutti per le loro caratteristiche migliori".

I GOL SUBITI - "Il calcio non è una scienza esatta, altrimenti tutte le partite finirebbero 0-0. Ci sono gli avversari, i momenti e tante altre variabili". 

EMRE CAN - "Emre Can sta andando bene, la prossima settimana rientra a Torino. E' un giocatore importante, speriamo di riaverlo al più presto".

MANDZUKIC - "Mandzukic domani potrebbe giocare, ha recuperato un po' di energie dopo un'estate dura. Aveva bisogno di recuperare, anche Matuidi ho provato a gestirlo e avrebbe bisogno di una settimana al mare. Se ci fosse stato Emre Can l'avrei mandato, domani potrebbe giocare".

KHEDIRA - "Khedira rientra dopo due mesi, l'altro giorno ha fatto per 45 minuti una grande partita, domani potrebbe giocare Bentancur".

POTENZIALE - "Il potenziale lo sfruttiamo, l'altra sera abbiamo fatto una bellissima partita, così tutti son contenti, ma abbiamo perso. E a me questo dà fastidio e parecchio. Perché dopo si ragiona delle partite perse, non di quelle giocate bene".

GATTUSO - "Rino è un ragazzo intraprendente, che è migliorato molto dentro e fuori dal campo. E' genuino, è uno che trasmette alla squadra. Il Milan gioca molto bene a calcio e lui trasmette dei grandi valori. Sta facendo un grande acquisto".

TUTTO DA SOLI - "La Juventus prende gol su palle inattive o soltanto in contropiede. Abbiamo scelto la partita 'giusta' per perdere, quella che contava meno. L'ultimo quarto d'ora è il pezzo più pericoloso. Non esiste squadra imbattibile, ogni tanto fare un passo indietro serve per farne due avanti".

DE SCIGLIO - "Mercoledì mancavano tre minuti, ho messo Barzagli perché poteva darmi una mano con Fellaini in area. Mattia ha fatto una bella partita sui due lati del campo, ha fatto una partita solida come tutta la squadra. E' in crescita, non è al massimo delle sue potenzialità però".

RISULTATO - "Domani so che la Juventus farà una grande partita, la squadra sta bene e ha giocato una grande partita. Discorsi c'è da farne pochi, non servono a niente. La partita di mercoledì non andava persa. Andava vinta prima, ma una volta che non la puoi vincere non la devi perdere. Come in Champions così in campionato, anche un punto può risultare utile".

FATTORE STADIUM - "E' una questione psicologica, più fai risultati, più aumenta la positività, più diminuisce l'attenzione. La sicurezza in tutti è di fare sempre un gol di più, ma non ho scritto da nessuna parte. La stagione è lunga, i campionati, le Champions non si vincono ora. Bisogna mettere le basi per arrivare a marzo ed essere competitivi".

CONVOCATI - "Tutti a disposizione, tranne Emre Can e Spinazzola che va a giocare con la Primavera. Domani gioca Cancelo quasi sicuramente, altrimenti De Sciglio".

FORMAZIONE - "O partiamo coi tre davanti o si gioca con un esterno in più. Domani importanti i rientri di Bernardeschi e Douglas Costa, Cuadrado ha fatto una bella partita".

BONUCCI-CHIELLINI - "Nessuno dei due riposa, a meno che oggi succeda qualcosa. Abbiamo i cinque migliori, ogni tanto quando riposa uno va bene così".