"Jimenez è perfetto per giocare con Cristiano Ronaldo". Il consiglio arriva dall'ex portiere dell'Inter Julio Cesar, che Raul lo conosce molto bene per averci giocato insieme ai tempi del Benfica. L'attaccante del Wolverhampton è uno dei nomi presenti nella lista di Fabio Paratici tra i candidati a diventare il prossimo numero 9 della Juventus.

LA RINASCITA - Il messicano è in buona compagnia, ma per lui parla l'ultima stagione: 22 gol e 10 assist in 44 partite. Mica male per un giocatore che fino a qualche anno fa era considerato "da buttare". Già, perché ai tempi dell'Atletico Madrid in pochi gli avrebbero dato fiducia: estate 2014, si trasferisce dal Club America ai Colchoneros con il compito di Diego Costa. Fallimento totale. Il riscatto però è dietro l'angolo, perché prima al Benfica e poi con i Wolves Jimenez rinasce. 

CARATTERISTICHE - Non più giovanissimo - ha compiuto da poco 29 anni - ma in area di rigore ci sa stare alla grande. Cecchino sotto porta, bravo del gioco aereo e anche nella costruzione della manovra: sponde per i compagni per i quali può anche aprire spazi tra la difesa avversaria. Un giocatore che per caratteristiche si avvicina molto a Higuain, che quest'anno con il Sarri 2.0 aveva cambiato modo di giocare mettendosi più a disposizione dei compagni rinunciando a qualche gol in più. 

PREZZO - Zamorano l'ha paragonato a Benzema, lui vuole superare il Chicarito Hernandez: "Quello che ha fatto al Manchester United è stato fantastico, io spero di poter fare meglio". Sì, magari con un'altra maglia. Quella bianconera, forse. Ma quanto serve per portare Jimenez alla Juve? Il Wolverhampton l'aveva preso in prestito per 3 milioni dal Benfica, riscattandolo per 38 alla fine della scorsa stagione. Un totale di 41 milioni sotto i quali il club inglesi non vorrebbe andare in caso di eventuale cessione. La Juve ci pensa e lo valuta da vicino, Jimenez nel mirino bianconero: può essere lui il prossimo numero 9 di Sarri.