Stefano Sturaro è in cerca di conferme in questo inizio di stagione tra alti e bassi alla Juventus, in cui è stato anche schierato nel nuovo ruolo di terzino destro. Il calciatore ha sempre dimostrato grande duttilità e disponibilità, pur di rientrare nello schieramento di Massimiliano Allegri, prima che un infortunio lo frenasse prima della sosta. Ora è pronto al rientro e continua a sognare la maglia della Nazionale, oltre che quella da titolare in bianconero. Ne parliamo oggi, in esclusiva su ilBiancoNero.com con Stefano Volpi, il suo agente:

CROLLO ITALIA - 
"Sono dispiaciuto per quanto è successo all’Italia, ancor di più perché l’atmosfera di San Siro era bella come non mai. Ma nel calcio bisogna saper accettare anche la sconfitta. La caccia all’untore (in riferimento a Ventura ndr) è stato davvero uno spettacolo brutto a cui assistere. Le decisioni del mister devono essere accettate da tutti, anche dai procuratori. E questo lo dico in maniera personale, perché Sturaro all’Europeo ha giocato tante partite tra cui quella decisiva contro la Germania. Conosco Ventura da oltre vent’anni, è una bravissima persona oltre che un bravissimo tecnico".

STURARO E VENTURA - "Non è mai stato convocato da Ventura, nemmeno per gli stage. Sembrerà strano ma ogni volta che c’era una convocazione o uno stage, Stefano era sempre infortunato. Il mister, dunque, ha fatto delle scelte e Stefano le ha accettate in maniera serena. Tutti speravano nel passaggio del turno contro la Svezia, perché superare lo spareggio significava poter essere in gioco per la Russia. Stefano ha un rapporto particolare con i suoi compagni in nazionale, ha tifato per loro e il suo sogno era quello di poter ambire nuovamente alla maglia azzurra. Magari, se ci fosse stato il mondiale, Ventura avrebbe potuto regalargli la convocazione. E’ sempre stato propositivo".

INFORTUNIO - "Adesso sta veramente bene, si è ripreso dal risentimento muscolare che lo aveva costretto al forfait dalla sfida di Udine. Proprio ieri, però, ha preso una tacchettata durante l’allenamento, mi ha inviato il filmato in cui si vede la ferita ma non è nulla di grave per fortuna. Adesso c’è il Barcellona, manca ancora tanto alla qualificazione".

STURARO TERZINO - "Stefano terzino contro il Barcellona? Non saprei, ti direi una bugia in caso contrario. Quel che so è che si sta sempre allenando per rendere al meglio in quel ruolo". 

MERCATO - "Fa piacere che ad ogni sessione di mercato Stefano sia ricercato dall’Italia e dall’estero. In Premier, ad esempio, le attenzioni provengono sempre da squadre come Everton e Newcastle. Sinceramente, però, tutto ciò è molto prematuro, sta pensando in continuazione a far bene alla Juventus. E per farlo, ha voglia di entrare nel terzo anno reale di appartenenza a questo club che ti porta dall’essere giovane al non esserlo più. Una sua grande peculiarità è quella di non soffrire la concorrenza, lui tende a considerare tutti come compagni e cerca di dare sempre il massimo quando è impiegato".

Intervista di Mirko Di Natale
Twitter: @_Morik92_