Il ruolo di attore non protagonista in un kolossal di successo ognuno lo vive a suo modo, con la propria storia personale e professionale. Almanacchi alla mano, Stefano Sturaro si piazza avanti a Claudio Marchisio nella corsa al titolo di "ultima ruota del carro" (senza alcuna offesa) del centrocampo Juve. Se il Principino ha visto il campo per 1055 minuti suddivisi in 20 presenze, l'ex genoano ha sommato appena 983 giri di lancette in 19 occasioni. Bentancur, pur avendo totalizzato meno minuti, è sceso in campo 27 volte nelle tre competizioni. Il clima tra Sturaro e la Juve, in ogni caso, tende ampiamente al sereno. Pur non essendo esclusa oggi l'ipotesi di una separazione. L'agente Carlo Volpi ne ha parlato al BN. 

Ha letto la nostra intervista di ieri?
"Si, ma non sono nessuno per commentare. Tra l'altro, Stefano e Marchisio sono in ottimi rapporti". 

In realtà però Sturaro ha giocato anche meno. Non ha l'aspirazione di trovare maggior spazio? 
"Essere nella rosa della Juve impone ragionamenti diversi rispetto a quello che accadrebbe in altre squadre. Rugani sarebbe titolare ovunque, alla Juve l'asticella è talmente alta che si deve giocare il posto. Stefano ha sempre goduto della massima fiducia dello staff tecnico e della dirigenza, ha sofferto per qualche infortunio di troppo nella stagione appena conclusa. In ogni caso mai, in tre anni, ci è stato suggerito di cercare squadra altrove". 

Fiducia testimoniata come?
"E' considerato un jolly, che Allegri ha spostato in diverse zone del campo in caso di necessità. Da mezzala, lui che ha 25 anni, si è trovato davanti Matuidi e Khedira. Parliamo di giocatori di livello internazionale che stanno andando in Russia per vincere i Mondiali". 

Giocare di più però può essere un'aspirazione del giocatore, alla luce anche del nuovo ciclo della Nazionale che si è appena aperto.
"Il lavoro di noi agenti è guardarci sempre intorno, ma posso dire che la Juve e Sturaro hanno scelto di rimanere insieme anche quando sono arrivate offerte importanti negli scorsi anni". 

Poteva andare al Genoa come contropartita per Perin?
"Tra Stefano e la sua ex squadra c'è un grande amore, ma mai il suo nome è stato inserito nell'operazione. Lo stesso discorso è valido anche per l'Atalanta". 

Intanto Emre Can è praticamente arrivato e la Juve continua a cercare un altro top player a centrocampo. Non c'è il rischio che lo spazio diminuisca ancora? 
"Oggi posso dire che Sturaro rimarrà alla Juventus al 90 per cento. Poi il calciomercato è in continua evoluzione, con l'eventuale arrivo di altri giocatori si potrebbero fare nuovi ragionamenti. Ma la base è sempre la fiducia che il club e l'allenatore continuano a testimoniargli in ogni occasione". 

Quindi una possibilità di cessione c'è. Villarreal, Betis e Newcastle hanno chiesto informazioni, vero?
"Sarebbe complicatissimo rimanere in Italia per chi dovesse andar via da questa Juve, significherebbe comunque fare un passo indietro. Il calcio più adatto alle caratteristiche di Stefano è quello inglese, ma dalla Spagna stanno arrivando significativi interessamenti. Ma ripeto: oggi siamo lontani da una separazione, saranno le prossime settimane di calciomercato a rendere tutto più chiaro". 

Nella nostra GALLERY, le presenze dei centrocampisti della Juventus nella stagione 2017/2018

@pietroscogna