Oggi compie 24 anni, ma il regalo vero forse lo farà lui. Alla Juve ed a tutti i suoi tifosi, che ormai lo aspettano da tanto, tantissimo tempo. Oggi Emre Can festeggerà il suo compleanno, l’ultimo da giocatore del Liverpool. Il prossimo con ogni probabilità lo vedrà spegnere le candeline con indosso una maglia bianconera. Perché la prudenza non è mai troppa, ma per fare in modo che il centrocampista tedesco possa diventare un nuovo calciatore della Juve manca ormai soltanto la fatidica firma, che poi è la cosa più importante. Dire che trapeli ottimismo dall’ambiente juventino è un eufemismo, da più parti l’affare Emre Can può ricordare quello legato a Fernando Llorente ancor più che il caso beffardo di Axel Witsel. Ma finché la firma non arriva, allora meglio aspettare per stappare le bottiglie: il recente derby di Manchester per Alexis Sanchez ad esempio spiega bene il perché. 

AI DETTAGLI - Ricapitolando, l’intesa tra Emre Can e la Juve è orma raggiunta da qualche giorno. Il tedesco è pronto a sposare la causa bianconera per un contratto da circa 4.5 milioni di euro netti a stagione più bonus, si lavora ancora sulla durata tra chi propone subito quattro anni più l’opzione per il quinto e chi chiede subito la durata massima consentita (cinque stagioni). Alla Continassa si attende dunque soltanto che i legali di Emre Can diano l’ok per la definizione del tutto, poi si potrà anche tentare un ultimo (?) assalto al Liverpool per averlo subito. Per ora un’ipotesi nemmeno da prendere in considerazione secondo il Klopp pensiero, la Juve difficilmente si spingerà oltre i nove milioni ma tentar non costa nulla. Aspettando la firma e con essa la scomparsa definitiva del fantasma Witsel.

@NicolaBalice