La vittoria di Napoli e quella in Grecia hanno regalato due importanti tasselli stagionali. Il primo successo serviva per regalare di nuovo compattezza, motivazioni e serenità, mentre il secondo per non far fallire miseramente il sogno Champions League prima del tempo. Complimenti a Max Allegri che ha ottenuto la sua ottava qualificazione consecutiva alla fase di eliminazione diretta.
Sicuramente il gioco non è dei migliori, la squadra non sa sempre cosa fare con il pallone fra i piedi, però i risultati sono l'unica cosa che conta. Sabato affrontiamo l'Inter, la favorita dello scudetto. Eh si, sono stato l'unico a dirlo da inizio stagione che gli uomini di Spalletti possono ricordare le vicende della Juventus di Conte.
Sarà un match molto complicato visto il dispendio energetico della settimana trascorsa, viste le individualità a loro disposizione come Icardi, Perisic e Candreva, nonché la loro fisicità prorompente. Sabato si gioca una grossa fetta di scudetto, sarà una partita al cardiopalma. Spalletti è un vecchio navigato volpone, attenzione ai naviganti perché all'Allianz Stadium bisognerà vedere la miglior versione stagionale per non interrompere il sogno!