Un giorno che Leo Messi non scorderà. Questo 12 gennaio, infatti, è stata una giornata all'insegna del suo nome, ma questa volta le prodezze in campo non c'entrano...

REAL MADRID - Prima il retroscena di mercato, con il fenomeno del Barcellona che è stato ad un passo dal Real Madrid: come riferito da Der Spiegel, infatti gli eterni rivali nel 2013 erano disposti a pagare la clausola rescissoria di Messi, dell'ammontare di 250 milioni di euro. A lui un contratto - da firmare a bordo di un aereo - di 23 milioni di euro fino al 2021.  

RINNOVO - Decisamente meglio gli è andata restando a Barcellona, perchè l'argentino - secondo i dati di Football Leaks - guadagnerà 100 milioni di euro netti all'anno nelle prossime quattro stagioni. Sono 71 quelli legati all'ingaggio, 63 di bonus alla firma e altri 70 per la fedeltà, da incassare al termine del contratto.

BENEFICENZA - Secondo quanto riportato da l'Espresso, poi, Messi avrebbe utilizzato la fondazione, amministrata dal padre Jorge, come schermo per incassare compensi per 6.5 milioni di euro dal Barcellona. Tutti camuffati come contributi per le attività di lotta alla povertà della Fundacion Leo Messi, evadendo le tasse, con la partecipazione del club.