Il mercato della Juve, fin qui, non ha di certo fatto mancare sorprese anche clamorose. Per lo più poco fortunate. Ma il piano di Marotta e Paratici procede, a rilento rispetto alle passate stagioni ma procede. Oggi è stato presentato Douglas Costa, a stretto giro di posta sono attese le svolte per Szczesny e Bernardeschi. Ed anche a centrocampo almeno un colpo rimane in cima alla lista dei desideri di Max Allegri, un colpo da non fallire in alcun modo perché necessario per compiere il salto di qualità a livello assolto e completare allo stesso tempo il roster dei mediani bianconeri con caratteristiche differenti da quelle proposte dai vari Pjanic, Khedira e Marchisio. Serve fisicità, servono strappi. Non a caso le richieste del tecnico ruotavano attorno ad un identikit che prevedeva una pesca dal mazzo composto da tre carte: Matic, N'Zonzi e William Carvalho. Rapidamente si era sviluppata la trattativa verso il franco-congolese del Siviglia: accordo totale col giocatore, richiesta ferrea del club sempre ancorata alla valutazione di 40 milioni pur aprendo ad una dilazione di pagamento. Le nuove necessità spuntate dall'addio di Dani Alves in poi, però, hanno arenato l'operazione con la Juve ancora non disposta ad andare oltre l'ultima offerta da 32 milioni più bonus, chiedendo allo stesso tempo al giocatore di temporeggiare in attesa di vedere come potesse schiarirsi il mercato. E 40 milioni sono gli stessi fin qui pretesi dal Chelsea per poter parlare di Matic, nonostante il serbo abbia da tempo la valigia in mano e i blues preferirebbero evitare di andare a rinforzare una diretta concorrente come il Manchester United, principale antagonista della Juve: l'accordo col giocatore non sarebbe un problema considerando i cenni di intesa raggiunti a più riprese negli scorsi anni, il preferito di Allegri rimane lui ma resta una situazione non semplice che potrebbe essere favorita dai rapporti tra club che restano ottimi e l'operazione Cuadrado ne è una dimostrazione. Una nuova accelerata è attesa in queste ore, per Matic la Juve non lascerà nulla di intentato. Molto più embrionale invece la pista che porta a William Carvalho, ipervalutato dallo Sporting Lisbona e inseguito dal City.

GLI OUTSIDER – La Juve lavora dunque per esaudire i desideri di Allegri. E nel frattempo sonda il mercato per cogliere eventuali opportunità. Una di queste risponderebbe al nome di Blaise Matuidi, a patto che il Psg sotto la pressione di Raiola accettasse le condizioni bianconere: operazione non superiore ai 15 milioni, Al Khelaifi non è d'accordo rilanciando a cifre anche superiori a quelle con cui si stava chiudendo la scorsa estate. Un'altra opportunità alla Marotta è quella che potrebbe condurre ad Emre Can del Liverpool, tenuto sotto stretta osservazione fin da quando è saltata per la prima volta la trattativa per il rinnovo di contratto in scadenza nel 2018: la Juve ci prova, il Liverpool insiste per il prolungamento, determinante sarà la volontà del giocatore. Poi c'è Renato Sanches: l'ipotesi prestito in casa Bayern prende quota, a patto che si presenti la piazza giusta per valorizzarlo. E la Juve è stata la prima a farsi sotto in tal senso. Casting aperto per i terzini, casting apertissimo a centrocampo.

@NicolaBalice