Su una cosa ha ragione Max Allegri: non può essere il 2-2 con il Tottenham a svilire quanto di buono, anzi di straordinario, fatto fin qui. Vero, verissimo. Ma non ci si può nemmeno nascondere dietro il curriculum, stagionale o dell'ultimo leggendario periodo storico, per evitare critiche riguardo alcune decisioni. Dell'allenatore come della dirigenza. Una su tutte porta all'immobilismo sul mercato di gennaio: non è un'improvvisata il fatto che evidentemente Allegri non ritenga nessuno tra Marchisio, Bentancur e Sturaro all'altezza dei tre titolari. E non è una decisione di febbraio quella di puntare senza mezze misure sul centrocampo a tre, non a caso al primo mezzo passo indietro la Juve è tornata a subire gol e avversari contro il Tottenham. Tante le cose su cui riflettere, alcuni gli errori già commessi in passato che ritornano, nulla è in ogni caso da buttare e c'è molto da cui ripartire: in fondo è solo un pareggio, in fondo la Juve è l'unica squadra ancora in corsa per Champions, Scudetto e Coppa Italia.

Scopri tutto nella nostra gallery

 

Tutta la Juventus minuto per minuto? Scaricate la app de ilBiancoNero.com: disponibile per Android e per iOS.