Il primo gol allo Stadium, il boato, il destino che cambia. Arrivano le vittorie, tante e copiose, viste e vissute tutte da vicino. Sei anni speciali quelli di Stephan Lichtsteiner alla Juventus, ma ora tutto è cambiato. Lo svizzero non è più al centro del progetto: prima Dani Alves, poi Mattia De Sciglio - appena arrivato dal Milan - lo hanno messo da parte agli occhi della società. E ora anche il pubblico si è schierato apertamente. Ma questo declino quale finale avrà?

DA EROE A PESO, I TIFOSI - "Riparte la Juve, Lichtsteiner al centro per Pirlo che può impostare, davanti si muovono Del Piero e Matri, Pirlo accelera, arriva in zona tiro, il destro pallone morbido, l'inserimento sotto porta... Rete! Il vantaggio della Juve, con il grandissimo taglio da parte di Lichtsteiner. Lichtsteiner ha portato in vantaggio la Juve". Gran taglio e gran gol, per la prima vera esultanza nella storia dello Juventus Stadium. Tutti in piedi per lui, che per 5 anni ha avuto il suo nome impresso nella casella di laterale destro dell'undici bianconero, sia con il 4-3-3 sia con il 3-5-2, sia con Conte sia con Allegri. Avanti e indietro per la fascia, ad aprire e spesso chiudere le scorribande bianconere. Ma gli anni passano e la Juve ha alzato l'asticella, o almeno così vogliono i tifosi. Sui social, gli insulti per lo svizzero si fanno sempre più frequenti e copiosi - ingiusti per professionalità, carisma ed apporto -, ma ci sono e non possono essere ignorati. Il malcontento generale c'è: in molti si aspettano un colpo proprio nel suo settore, anche se le piste in questo momento appaiono piuttosto fredde. Il vaso, così, è rotto.

DA EROE A PESO, LA SOCIETA' - Dani Alves, pur operativo solo per qualche settimana nell'intera stagione, ha tracciato una linea netta del valore minimo da garantire, per ambire ai migliori trofei. Una situazione proseguita con Mattia De Sciglio, ritenuta la bella speranza per il futuro, certamente da rivalutare, visto il recente poco florido passato, ma comunque un investimento corposo. In attesa di capire se ne arriverà un altro. Ecco, perciò, che per Lichtsteiner non c'è più uno spazio chiaro e di rilievo, e ogni offerta verrà valutata dalla Juve (il Nizza è sempre in pole). Del resto, era già chiaro dagli ultimi giorni della scorsa estate di calciomercato, quando fu proposto in un clamoroso scambio con l'Inter. Lì, Lichtsteiner e la Juve hanno messo la data di scadenza sul loro rapporto: formalmente nel 2018, praticamente subito. Per ora, con la nota professionalità, si allena e gioca. Per ora.