BUFFON 6.5: incolpevole sui gol, in occasione del rigore fa l'unica cosa possibile e indovina anche la direzione del tiro di Immobile. Per il resto tiene a galla la Juve con tre parate importanti. Sempre attento.

BARZAGLI 5: sulla destra fa una fatica disumana, soprattutto quando si ritrova a dover dare il via alla manovra senza soluzioni facili. Cuadrado e Benatia non lo aiutano e il primo tempo è un incubo. Meglio da centrale, anche se è il momento in cui la Lazio si ritrae. 

BENATIA 5: con esperienza e qualità doveva colmare il buco lasciato da Bonucci, ma delude. Prova a disimpegnarsi nell'uno contro uno, ma sbaglia spesso le letture preventive ed è in ritardo anche in occasione del rigore del vantaggio laziale. Non si aspettava la palla persa, ma parte con quel secondo di ritardo letale. (56' DE SCIGLIO 5: non entra male in partita, provando a farsi vedere anche in avanti, ma in occasione del gol vittoria delle Lazio si fa divorare d Lukaku. Errore che resta).

CHIELLINI 5.5: dei difensori è quello che, almeno quando chiamato in causa direttamente, soffre meno e prende le decisioni migliori. Inevitabilmente, con la squadra ferma e la poca copertura offerta dai compagni, soffre più del solito.

ALEX SANDRO 5.5: qualità indiscutibili, e la reazione del popolo contro la sua cessione è doverosa, ma soffre tanto quando la Lazio lo attacca e anche al momento di salire non è la solita sentenza. Cresce nel finale ed è decisivo in occasione del rigore del momentaneo pareggio di Dybala.

PJANIC 5: non è aiutato dai compagni e spesso deve gestire il pallone con il campo alle spalle e il fianco offerto alla pressione avversaria, ma sbaglia tanto. Le intuizioni solitamente geniali diventano spesso assist per i compagni e Khedira non lo aiuta mai, costringendolo a un doppio compito che non riesce a fare.

KHEDIRA 4.5: immobile, impacciato, non riesce mai a dare il suo apporto alla squadra. Sbaglia praticamente tutto ed è senza dubbio uno dei tasselli a non aver funzionato.

CUADRADO 4.5: il peggiore per distacco. Sbaglia sia le letture in fase difensiva che le scelte con il pallone tra i piedi. Sfiora il gol a inizio gara, poi inanella una serie incredibile di errori, cestinando anche due ripartenze che si sarebbero potute rivelare letali. Il mercato, forse, ha l'ha turbato più del previsto, ma un Cuadrado così non lancia segnali positivi. (57' DOUGLAS COSTA 6.5: sveglia la squadra. Giocate da grande giocatore e spina nel fianco costante per la difesa avversaria. Non è un caso che la Juve abbia rialzato la testa con lui)

DYBALA 6.5: inaugura la '10' con una doppietta. Punizione alla Del Piero e poi glaciale dagli undici metri. Gol arrivati proprio nel momento in cui lui sale di tono e prende per mano la squadra. Per 70 minuti, però, non è il solito Dybala e i gol non devono cancellare la fatica fatta.

MANDZUKIC 5: ci aveva abituato a ben altro. In fase difensiva non è il consueto martello e quando si tratta di offendere non riesce mai a trovare la giocata giusta. Sbatte sempre contoro il diretto avversario e non riesce a dare peso. (72' BERNARDESCHI 5.5: pochi minuti, ma non incide).

HIGUAIN 4.5: invisibile. La squadra non lo supporta, ma l'attenuante regge solo fino a un certo punto. Nel primo tempo tocca 10 palloni in meno di Buffon, in area non dà peso e non porta nemmeno pressione. L'analisi dei movimenti, poi, è altrettanto negativa: De Vrij legge sempre le sue intenzioni e lo anticipa in ogni occasione.

All. ALLEGRI 5.5: i cambi nel finale sono quelli che servivano, ma resta qualche dubbio sulle scelte iniziali. La decisione di schierare Barzagli come esterno di difesa non paga. E Cuadrado dall'inizio ha deluso. E poi, perché Khedira e non Marchisio? Tutto semplice a risultato acquisito, ma le analisi partono da qui. 

LAZIO (3-5-1-1): Strakosha 6.5; Wallace 6.5, de Vrij 7, Radu 6; Basta 6 (74' Marusic 5), Parolo 6, Lucas Leiva 6.5 (80' Murgia 7), Luis Alberto 6.5, Lulic 6.5 (74' Lukaku 7); Milinkovic 7.5; Immobile 7.5.All: Simone Inzaghi 7

@Edosiddi