Paulo Dybala, al termine della sfida contro la Lazio, ha parlato ai microfoni di Rai Sport e ha parlato anche del suo futuro, con una vera e propria dichiarazione d'amore.

LA GARA - "Penso di sì, che la Lazio abbia meritato. L'ultima giocata, quella del gol all'ultimo, è il riflesso di quella che è stata tutta la partita".

SPERANZA - "Dopo il 2-2 vedevo che loro non se l'aspettavano e ho pensato che se fossimo andati ai supplementari mentalmente saremmo stati in vantaggio. Questo però non cambia la partita, abbiamo fatto due gol da palla ferma, non abbiamo fatto niente per trovare il pareggio e il risultato è stata la naturale conseguenza".

GIOIA AMARA - "Non sono contento anche se è stata la mia prima partita con questo numero importante. Spero di poter fare di più e meglio e cominciare a vincere, che è quello che conta".

PROBLEMA FINALI - "Non pensi ci sia un problema con le finali. Abbiamo staccato un po' la spina e va riattaccata subito. Ho parlato anche con i compagni, non è bello perdere le finali e dobbiamo dimenticare quello che abbiamo fatto: sarà un anno difficile e dobbbiamo essere al massimo".

DIFFICOLTÀ - "Penso che le difficoltà saranno quelle che ho detto prima: non si deve abbassare la tensione e non dobbiamo pensare di essere i migliori. Non sarà facile ma dipende da noi. Siamo una squadra forte, abbiamo giocatori forti che hanno sostituito quelli che sono partiti. Dipende da noi e dobbiamo concentrarci, se no saranno guai".

IL 10 - "È un numero importante, so cosa significa, ma quando gioco penso a quello che ho davanti. Quello che conta di più è che la Juve vinca. Con questo numero è bello, ma la Juve conta più di tutto".

AMORE JUVE - "Io non penso a nessuna squadra che non sia la Juve. Ho parlato con la società e ho espresso le mie idee, poi dipenderà da loro se mi vogliono tenere qui per sempre o no. Io sono molto felice qui, l'ho detto a loro e ho rinnovato tre mesi fa per questo. La società mi ha chiesto di prendere questo numero e anche se non è stato facile decidere ho scelto di crescere qui e provare a dimostrare tanto anche per questi tifosi che mi vogliono tanto bene".