Buon compleanno Paulo Dybala... ma niente regalo, quello lo devi fare tu alla tua Juve. Già, sua, comunque vada, anche nei momenti bui. Sì, perchè la Juve o ha scelto ora e per il futuro, con quel 10 consegnatogli con decisione, con obiettivi chiari e con volontà precise, sulla scia della grande storia, ma anche di quella recente, con i casi Tevez e Pogba come esempi da cui staccarsi, in quanto partenti. La prima volta con le nuove responsabilità, il numero appoggiato sulle spalle come un tocco magico che trasforma, che fa crescere, che lancia verso il successo. 12 gol nelle prime 8 partite, poi la frenata, brusca, improvvisa e "immotivata". La Juve non si ferma, Dybala sì, ma di lui ha bisogno. La testa pesa, l'astinenza inizia a farsi lunga, ma ora le distrazioni - leggasi Nazionali - sono finite. C'è Messi, ma non con questi numeri. Come ripartire?

L'ASTINENZA - La sensazione è che ci sia un potenziale inespresso ancora forte, nascosto nell'accensione saltuaria ed alternata di Higuain e Dybala, ma soprattutto nel calo di quest'ultimo. Allegri lo ha detto chiaramente: "E' un problema di condizione, quando finiranno le Nazionali...". Ecco, ora le distrazioni sono finite, ora può tornare brillante a livello fisico, nel primo momento veramente importante della stagione. Arrivano gli scontri diretti, arrivano gli obiettivi, arriva il Barcellona, di un altro 10 argentino.

DA MESSI A MESSI - Russia e Nigeria per un totale di 65' con la sua Argentina, in cui però non è ancora un leader, e poco incisivo, fatta eccezione per qualche lampo di talento. Il motivo è principalmente lo stesso, fisico, ma anche un po' di fiducia mancante: il radar di Sampaoli su di lui è parecchio sfocato. Ma ora tutto può cambiare, perchè un Dybala così non basta. Dal Messi compagno con la Selecciòn, a quello avversario con il Barcellona - mercoledì 22 alle 20.45 all'Allianz Stadium -, con l'obiettivo di festeggiare al meglio questo compleanno, con un regalo che serve a lui, tanto quanto alla Juve. 

55 gol e 19 assist in 111 partite, il più impiegato dal 2015: questi sono numeri da Joya. Torna dall'Argentina, toglie il 21 e rimette il 10 sulle sue spalle, con tutte le responsabilità che comporta, come un nuovo regalo, come la prima volta... per lo stesso risultato.

Buon compleanno, Paulo!