L'ex arbitro internazionale e designatore Paolo Bergamo è stato ospite in mattinata dell'emittente umbra Radio Onda Libera, dove ha commentato le polemiche derivanti dalla direzione arbitrale di Real Madrid-Juventus
Il rigore c'era tutto - le sue parole - è una dinamica che non ha lasciato alcun dubbio all'arbitro. Vazquez è stato travolto da Benatia. Dalla posizione di Oliver non poteva che essere rigore, dalla tv è un'altra storia. Su Oliver si può dire che è giovane, ha 33 anni e ne aveva 27 quando è diventato arbitro internazionale. Ha esperienza avendo diretto partite molto importanti, compresa la stessa Juve contro lo Sporting Lisbona. Lo considero un grande arbitro, un fenomeno. E' uno che decide e ha coraggio nelle decisioni che assume. Di lui sentiremo parlare ancora di più e meglio. Da italiani è legittima l'amarezza perché la Juve a Madrid ha giocato bene e meritava di giocarsela ai supplementari”.

Bergamo ha anche commentato le dichiarazioni di Andrea Agnelli: "Il presidente della Juve in un momento di delusione si è lasciato andare in considerazioni non di sua competenza. Collina è intoccabile e credo che stia facendo un lavoro egregio che gli viene riconosciuto”.