Max Allegri commenta con soddisfazione la vittoria della Juve sulla Sampdoria ai microfoni di Sky Sport. Ecco le dichiarazioni dell'allenatore bianconero:

DERBY DI ROMA - "Inzaghi e Di Francesco? Stanno facendo ottime cose, sono allenatori giovani che hanno grandi carriere davanti".

POST REAL - "Non era semplice dopo la partita di mercoledì a Madrid, ci voleva lucidità contro una squadra brava a palleggiare. I ragazzi sono stati bravi, perché a un mese dalla fine della stagione non possiamo pensare di giocare come tre mesi fa".

CAMBIO - "Grazie a Pjanic, che è uscito per una contrattura e mi ha permesso di fare il cambio con Douglas Costa. Avevo deciso di iniziare la partita così perché sia lui che Higuain potevano essere cambi determinanti. Gonzalo è poi rimasto a riposare in panchina, ma sarà decisivo per lo scudetto". 

SCUDETTO - "Tranquillo non sono, bisogna vincere a Crotone e prepararci per lo scontro diretto. Il campionato è ancora lungo, questa settimana sarà importante e noi dobbiamo affrontare le partite con serenità. Tutti hanno un obiettivo unico, vincere il settimo scudetto che sarebbe qualcosa di irripetibile".

BERNABEU - "E' stato un momento delicato, più per i ragazzi che per me. Per due giorni ci siamo tutti sfogati a Vinovo e poi da ieri la squadra ha rimesso la testa sul campo. La vita va avanti e così il calcio. Purtroppo è successo ed è una cosa che non potevamo cambiare. Negli ultimi minuti contro il Real Madrid bisognava stare più attenti sul fallo laterale, non discutiamo del rigore, in quel momento forse non avremmo neanche preso il cross. Ai ragazzi l'ho fatto vedere".

FUTURO - "Essere applaudito per essere uscito dalla Champions mi scoccia. Voglio allenare questi ragazzi ancora per tanto tempo, io solo detto che come tutti gli anni bisogna trovarsi con la società per pianificare il futuro. Che poi la stagione non è finita. Se non vinci lo Scudetto e la Coppa Italia magari è la società a dire 'Max, aria!'. L'allenatore è valutato per i risultati. Le strade si potranno dividere ma i rapporti devono rimanere, la correttezza è fondamentale".